Crea sito

Il difficile cammino dell'anima alla ricerca di se stessi….

Passi  al  Buio
 
Scivolai all’inferno così rapidamente
da non aver il tempo
per preparare la mia mente ..
Per poter ritornare alla luce
trovai sentieri così ripidi e scivolosi
da dover conficcare le unghie
nelle pareti del mio stesso cuore.
Ma il peso del dolore e la sofferenza
furono così immensi da strapparmele..
…Una dopo l’altra…
Arrivata ad un punto di non ritorno
solo sangue grondava
dalle mie piccole dita.. E di nuovo giù,
senza controllo..Senza appiglio.
Annegando nel pianto
e nutrendomi di rimpianto
non mi lasciai andare alla resa
ricominciando la salita.
Lacrime amare, straziante dolore
mi spinsero come ignote forze
fino a riconquistare l’uscita..
La luce all’improvviso mi avvolse
senza pietà la vista mi tolse
… Troppo tempo ero rimasta
a scrutare il buio..Cieca e stremata
imparai nuovamente a camminare
come una bimba, prima a carponi,
e poi cercando appigli..
Lentamente ricominciai a camminare
seguendo la voce della mia anima
e il suono del mio cuore..
*
Tutt’ora cammino ad occhi chiusi nel buio
seguendo solo, i sospiri della mia anima
e i battiti del mio cuore..
Con un grande rischio…
L’eterna ricerca della luce è un difficile cammino
nei meandri del proprio io… Ed é un viaggio
tra fitte nebbie e false illusioni
dove il cuore ascolta spesso
solo quello che vorrebbe sentire
e non ciò che realmente dovrebbe ascoltare..
( Criss)

Tags: , ,

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

3 Responses to “Il difficile cammino dell'anima alla ricerca di se stessi….”

  1. fiorecagnetti ha detto:

    Ciao criss, sei un fiume pieno di poesia…..

    fiore

  2. BluesaxSoulFree ha detto:

    L’eterno cammino verso la luce,ammesso che luce esista,non è di facile percorrenza tutt’altro,anzi è piuttosto difficile districarsi tra labirinti di domande e perchè senza risposta.Il cuore poi come dici in chiusa non aiuta di certo,accecato com’è va a tentoni in un viaggio fra ipotetiche chimere e certe illusioni.
    Profonda, non hai avuto paura di calarti e senza corda negli abissi più fondi dell’anima.
    Ti faccio i miei complimenti quindi
    per l’ottima poesia.
    ,,,,,,,,,,,bluesax,,,,,,,,,,,,,,,,

  3. PensieriInCorso ha detto:

    Ed e’, per quel che ne so, uno splendido infinito viaggio…

    … dove la luce non ferisce ed il buio non spaventa.